3

Realizzare endoscopie con un iPhone

Un iPhone 4S abbinato a un Endockscope

Un iPhone 4S abbinato a un Endockscope

La moderna endoscopia è diventata una soluzione diagnostica e terapeutica indispensabile in molte specialità cliniche come medicina polmonare, gastroenterologia, chirurgia colonrettale, e urologia.

Le migliorie nei computer palmari hanno creato la possibilità di trasformare uno smartphone in un sistema completo di visualizzazione endoscopica mobile, con sostanziali benefici sui costi.

Uno studio in particolare si era posto come obiettivo la valutazione delle capacità e utilizzabilità di un sistema di visualizzazione endoscopica basato su iPhone. Questi sono i riferimenti dello studio:

Article Name: Endockscope: Using Mobile Technology to Create Global Point of Service Endoscopy
Authors: William Sohn, Samir Shreim, Renai Yoon, Victor B. Huynh, Atreya Dash, Ralph Clayman, and Hak J. Lee
Journal Published: Journal of Endourology
Citation:J Endourol. 2013 Sep;27(9):1154-60. doi: 10.1089/end.2013.0286

Metodo

– immagini fornite dalla United States Air Force (Aeronautica Militare) sono state studiate prima con un cistoscopio flessibile abbinato a un iPhone dotato di Endockscope, un connettore che permette di unire un iPhone 4S con un moderno endoscopio. In seguito, le stesse immagini sono state osservate con una fotocamera ad alta definizioe Storz (H3-Z Versatile).
– una tabella Munsell ColorChecker per comparare la risuoluzione dei colori di una laparoscopia a 0°.
– 12 esperti endoscopisti hanno potuto osservare le varie immagini prodotte, senza che venissero informati di quale dei due sistemi le aveva prodotte
– infine, una comparativa di costo (prezzo medio di listino) e di peso

Risultati

– In generale, la risoluzione d’immagine prodotta da Endockscope era identica a quella creata con la tradizionale camera HD (4.49 vs 4.49 lp/mm).
– Il Rosso (DE = 9.26 vs 9.69) aveva una migliore risoluzione sull’iPhone, mentre il Verde (DE = 7.76 vs 10.95), e il Blu (DE=12.35 vs 14.66) mostravano colori migliori coma la Storz HD camera.
– gli esperti hanno affermato che le immagini cistoscopiche migliori erano quelle acquisite con la Camera HD in quanto a immagine stessa, colore, e qualità generale (P=0.002, 0.042, e 0.003).
– per contro, gli stessi controlli fatti con un ureteroscopio non hanno mostrato la minima differenza per immagine, colore o qualità generale  (P=1, 0.203, e 0.120).
– il costo complessivo di Endockscope+iPhone era $154 , paragonato ai $46,623 per un sistema HD standard.

Conclusioni

Un iPhone può essere tranquillamente trasformato in un sistema di visualizzazione endoscopica mobile con un considerevole risparmio di costi. Il più leggero ed economico Endockscope ha acquisito immagini delle stessa risoluzione e con una qualità del colore accettabile. Quando valutate da esperti endoscopisti, le immagini sono risultate pressochè identiche a quelle di un ureteroscopio flessibile. In altri caso sono state lievemente inferiori, ma ancora accettabili per la cistoscopia flessibile.

Commenti e implicazioni

Questo studio di fattibilità ha evidenziato come le sempre maggiori capacità della tecnologia Mobile possano essere applicate all’endoscopia. Questi risultati sarebbero addirittura potuti essere ancora migliori utilizzando le ultime versioni di iPhone, che includono una fotocamera con risoluzione maggiore. Come in tutti i sistemi basati su smartphone, ci sono limiti ad una loro diffusione massiccia come i dubbi sulla privacy dei pazienti e l’integrazione con i sistemi PACS (Picture Archiving and Communication System) degli ospedali.

Esistono già numerosi esempi in letteratura di adattatori tra endoscopi e smartphone. Ad oggi, non ci sono stati studi compiuti su umani per valutare l’efficacia di questa tecnologia. Resta ancora incerto inoltre come i risultati positivi di questi studi potranno influenzare gli sviluppi futuri dell’endoscopia, anche se già oggi si vede chiaramente come i vantaggi di costo e peso siano elementi fondamentali per la diffusione di queste nuove tecnologie nei paesi emergenti.

Laura De Biaggi

Laura De Biaggi

Dopo una laurea in Fisica dei Biosistemi e diversi anni di esperienza in un'azienda multinazionale biomedicale, come consulente nel settore dell’Healthcare ha pianificato l’attività di marketing di siti specialistici e di campagne di comunicazione, curando la gestione completa del piano di comunicazione e introducendo un nuovo metodo di consulenza che mira a condividere con il cliente, medico, azienda o Istituto che sia, la selezione dei risultati attesi e previsti con il fine di espandere le proprie attività e il proprio business. L’offerta di salute va, infatti, coordinata da specialisti che sappiano ridisegnare una immagine più adeguata alle richieste del mercato e del territorio. I principi guida di questo lavoro sono rapidità, moltiplicazione dei canali e della visibilità, precisione, comprensibilità e targettizzazione dei contenuti scientifici, ritorno economico per i clienti.

3 Comments

  1. Sono un ORL specialista da 40 anni. Ho una lunga consuetudine con endoscopi, videocamere per registrazione immagini etc..La mia esperienza non mi è servita ad evitare di essere buggerato dalla pubblicità dell’adattatore da montare su I-phone 4s o 5s per connettere endoscopi e fare riprese o foto. L’adattatore è un banale pezzo di plastica venduto a peso d’oro (e passi) ma è la qualità della immagini che è sconcertante. Immagine che non sono utilizzabili né clinicamente né come documentazione tanto sono piccole e mal definite. Non posso pensare a misunderstanding da parte del produttore. E’ una truffa degna di una organizzazione di magliari.

    • La tua esperienza e sconcertante…io sono ginecologo probabilmente coetaneo sono del 50 con la Tua stessa passione tecnologia e endoscopia..sto usando mirror less leggere di ultima generazione con LCD incorporato ,quando ho letto questa pubblicazione ,ho scritto al collega californiano che mi ha assicurato che mi avrebbe avvertito appena sarebbe stato disponibile l’attacco per iPhone….ma cosa hai comperato e chi te lo ha venduto….non avrai preso qui il pacco?
      Cordiali saluti
      Federicocasabona@gmail.com

  2. Gentili Dottori, come autrice dell’articolo vorrei precisare che il contenuto è stato tratto da una rivista scientifica ritenendo il contenuto e la tecnologia descritta interessanti. Trenta3 non ha alcun legame nè non l’azienda produttrice dell’adattatore, nè con la rivista.
    Cordiali Saluti
    Laura De Biaggi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *